Samiullah, un nostro collega. Ucciso dalla guerra.

Samiullah, un nostro collega infermiere nell’ospedale di Lashkar-gah, è stato ucciso ieri in uno scontro a fuoco. Si è ritrovato coinvolto in una sparatoria mentre andava a un matrimonio.
Non era un soldato, non era un combattente: era un uomo di poco più di 30 anni che stava andando a festeggiare le nozze di amici. La guerra è esattamente questo: morte di civili innocenti, prima di tutto.

Samiullah nel giardino del Centro chirurgico di EMERGENCY a Lashkar-gah in Afghanistan

Samiullah lavorava con EMERGENCY da 9 anni, con l’orgoglio di aiutare ogni giorno, concretamente, il suo popolo. Siamo vicini alla sua famiglia e a tutti i nostri colleghi che continuano a lavorare all’ospedale di Lashkar-gah e ricordiamo Samiullah con le parole di Roberto, un infermiere che gli ha voluto bene:

“L’ho conosciuto nel 2011, quando ero in prima missione a Lashkar-gah e lui era infermiere di Pronto soccorso. Era un ragazzino all’epoca, poco più adesso. Quasi tutti noi espatriati lo chiamiamo ‘Sami’.
Iperattivo, ridanciano, quando sarebbe bene tacere lui diceva sempre una parola in più, spesso di troppo. Quando non sarebbe prudente far domande lui ne aveva sempre da fare.
Uno di quelli che non stava seduto un momento, girava sempre, che ogni tanto andava ridimensionato. Che però quando non c’era in turno ti chiedevi come mai non ci fosse. Gestiva, anticipava, chiedeva, aveva fame di imparare. Ci vorrebbe una mezz’ora di Samiullah al giorno.

Nel corso delle mie missioni a Lashkar-gah ho fatto con lui decine di corsi, lezioni, esercitazioni, esami, sull’emergenza, sul trauma, sulla rianimazione. Sempre lì, Sami, a imparare e ribattere, a fidarsi e allo stesso tempo metterti alla prova (la pazienza soprattutto). Non ti faceva finire le frasi perché diceva di saperne già un po’. Alle esercitazioni era lui che voleva spiegare ai suoi colleghi perchè ‘ha già capito’.
Negli anni s’è sposato (chi? Samiullah? Ma pensa…) e ha fatto due figli. Gli è caduto un dente di sotto che non ha mai rimesso, s’è ingrassato un po’ (ahi, il matrimonio), si è comprato un motorino e un orologio giallo brillante che lui giurava esser d’oro (ma va là, Samiullah…).

Quante volte l’abbiamo chiamato in ufficio, col piglio di chi convoca qualcuno che l’ha fatta grossa, ‘adesso gli diamo un avvertimento, bisogna che capisca’. Poi, quando usciva, io e la medical coordinator scoppiavamo a ridere. Come facevi ad arrabbiarti con Samiullah?
L’ultima volta prima di ripartire mi ha regalato un vestito tipico di Lashkar-gah, rosa confetto. Casacca e pantaloni afgani. Rosa confetto? Vabbe’, grazie Sami. Alla prossima, e fai il bravo.

La telefonata di oggi, quella vissuta nei miei peggiori incubi, quella che finora hai solo immaginato potesse arrivare ma che hai sempre sperato non arrivasse mai, stamattina prima di pranzo. Nella mia bella casa nella campagna marchigiana, dopo una notte passata nel mio bell’ospedale italiano. Era Simon, il logista di Lashkar-gah.
‘Robi, sono Simon. So quanto tieni ai ragazzi e non volevo lo sapessi per altri canali. Samiullah oggi era di riposo, andava a un matrimonio, s’è trovato nel mezzo di un conflitto a fuoco nei pressi di Shoraki, alle porte di Lashkar-gah. L’hanno ammazzato’.
Sudore freddo, tenaglia alla gola. Samiullah.

Samiullah era un ragazzo, aveva una voce, un odore, un carattere, una famiglia, un motorino.
Samiullah io l’ho conosciuto. Era uno di quelli che mandava avanti un ospedale. Lui, come altri, erano e sono lì, notte e giorno. E non hanno una missione che finisce con un biglietto di ritorno in patria. Lui, in quel posto sbagliato, c’era nato e ci viveva.
E oggi ci è morto, dopo averne visti morire migliaia tentando di curarli.

Vi prego. Quelli che ‘rimpatriamoli tutti’, ‘l’Afghanistan non è più un Paese in guerra’, ‘la missione militare va rifinanziata’…
Vi prego. Diamoci un minuto per pensare.
Ciao Sami. Anzi Samiullah.
Stasera abbraccio quel vestito rosa confetto, spero che l’abbraccio arrivi anche a te, amico mio”.

#laguerraè

Annunci

Qui Catania!

La Repubblica Centrafricana c’è ed è in mostra

Il gruppo pistoiese di Emergency ringrazia Ilaria Marcelli, Silvia Vienni, Paolo Carrara e tutta la fondazione Un Raggio di Luce di Pistoia (oltre alla Amici Betharram Onlus) per la serata di venerdì 16 giugno durante la quale, all’interno del chiostro della chiesa di San Francesco, a Pistoia, immagini, suoni e storie della Repubblica Centrafricana hanno accompagnato i presenti alla scoperta di un paese troppo spesso dimenticato o, addirittura, sconosciuto.

La mostra Al cuore nero del mondo di Vittore Buzzi (che resterà allestita fino a domenica 25 giugno, negli spazi dell’antico chiostro), ha accompagnato testimonianze dense di impegno e di progettualità, tutte intente a far rifiorire una nazione in cui la guerra civile e il degrado socio sanitario continuano ad opprimere i circa 4 milioni di abitanti.

Emergency ha brevemente illustrato le sue attività in Repubblica Centrafricana, iniziate nel 2009 con il Centro pediatrico di Bangui e con la collaborazione, dal 2013, con il Complexe Pédiatrique, anch’esso a Bangui, la capitale del paese.

Come sempre più spesso accade, condividere esperienze più o meno simili e divulgarle alla popolazione, crea proficui momenti di sinergia, di conoscenza, di coscienza. Grazie a tutti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: